Valutazione


Dipinto realizzato dagli studenti dell’Istituto

ISTITUTO PROFESSIONALE E ISTITUTO TECNICO

Criteri e strumenti di valutazione

La valutazione sarà il frutto di un costante monitoraggio dello sviluppo di tutte e quattro le abilità, dello sviluppo della capacità di servirsene in modo autonomo, dell’apprendimento critico dei contenuti e delle competenze acquisite.

Essa si avvarrà di procedure sistematiche e continue e di momenti più formalizzati, con prove di tipo oggettivo per la verifica delle abilità ricettive e di tipo soggettivo per la verifica delle abilità produttive inerenti la competenza comunicativa. L’analisi dell’errore, parte essenziale della verifica, rappresenterà uno strumento diagnostico fondamentale per impostare le attività integrative: è importante, infatti, distinguere tra mistake (semplice sbaglio ovvero deviazione non sistematica dalla norma) e error (errore ovvero vera e propria lacuna nella competenza linguistica o comunicativa). In questo contesto è di particolare rilevanza il momento diagnostico per orientare in itinere il processo di insegnamento/apprendimento.

La valutazione formativa, al termine di ogni segmento significativo del programma, non sarà volta a classificare il profitto, ma darà agli studenti informazioni sul livello raggiunto e all’insegnante elementi per una riflessione sulla efficacia dell’azione didattica e sull’opportunità di attivare interventi integrativi.

La valutazione sommativa, per la classificazione degli alunni, utilizzerà strumenti idonei ad accertare il raggiungimento di precisi obiettivi didattici, tramite verifiche strutturate appositamente sui contenuti in programma.

La valutazione finale terrà conto dei risultati delle prove sommative insieme a vari elementi quali:

Livello di partenza;

Raggiungimento degli obiettivi formativi;

Raggiungimento degli obiettivi di apprendimento;

Attenzione e partecipazione;

Impegno e puntualità;

Metodo di studio e di lavoro;

Progressione dell’apprendimento

 

Le verifiche, sia orali, sia scritte, devono essere strutturate in modo da permettere agli studenti di dimostrare al meglio le competenze e abilità e la padronanza dei contenuti.

Tutti i cicli di apprendimento prevedono l’attivazione e la valutazione delle quattro abilità: ascoltare, leggere, parlare, scrivere, che saranno valutate secondo i seguenti criteri:

Comprensione orale

Livello minimo:

  • Riuscire a comprendere una parte significativa del messaggio in modo tale da rispondere, se pur con qualche esitazione e incertezza.

Livello massimo:

  • Saper comprendere il messaggio nella sua globalità, in modo da rispondere prontamente ed esaurientemente.

Produzione orale

Livello minimo:

  • Riuscire a mantenere il flusso del discorso, anche se con brevi pause
  • Usare le strategie comunicative in modo adeguato
  • Rispettare i turni di parola, pur commettendo errori di grammatica e improprietà del lessico che tuttavia non impediscono la comprensibilità globale del messaggio
  • Pronunciare in modo comprensibile, nonostante alcuni errori e interferenze con la L1
  • Comunicare in modo accettabile, anche se è usato un numero limitato di strutture.

Livello massimo:

  • Saper sostenere il flusso del discorso senza interruzioni e in modo efficace
  • Prendere l’iniziativa in modo variato
  • Rispondere usando strategie comunicative funzionali allo scopo, rispettare i turni di parola in modo naturale e spontaneo
  • Esprimersi in modo articolato e corretto
  • Usare un lessico appropriato e vario
  • Pronunciare le parole in modo adeguato, rispettando gli schemi intonativi
  • Comunicare in modo efficace, usando un’ampia gamma di strutture e utilizzando strategie adeguate.

Comprensione scritta

Livello minimo:

  • Riuscire a cogliere gli aspetti fondamentali del testo, in modo da non alterare il senso globale
  • Riconoscere le strutture e le funzioni note e inferire il significato, anche in presenza di qualche elemento lessicale non noto.

Livello massimo:

  • Saper comprendere il testo in modo dettagliato e globale
  • Individuare gli elementi qualificanti a livello lessicale e strutturale
  • Trarre informazioni contestuali e culturali implicite.

 

Produzione scritta

Livello minimo:

  • Riuscire ad organizzare e sviluppare il contenuto in modo adeguato alla traccia
  • Usare le strutture morfo-sintattiche commettendo errori che tuttavia non impediscono la comprensibilità globale del testo
  • Utilizzare un lessico limitato ma abbastanza appropriato
  • Commettere occasionali errori ortografici
  • Produrre un testo comprensibile rispetto allo scopo, al destinatario e al contesto.

Livello massimo:

  • Riuscire ad organizzare e sviluppare il contenuto in modo efficace e coerente rispetto alla traccia
  • Usare layout, registro e stile appropriato
  • Utilizzare le strutture morfo-sintattiche in modo articolato e corretto
  • Utilizzare un lessico appropriato e vario con un’ortografia corretta
  • Produrre un testo efficace e personale con ampiezza e originalità di idee
  • Esporre in modo scorrevole e fluido.

Prove di verifica orale

Si utilizzeranno come strumento di verifica sia l’interazione nel corso delle lezioni, che avranno anche carattere di dibattito e non solo di lezione frontale, sia momenti periodici di verifica più formale tra singolo alunno e docente.

Prove di verifica scritte

Saranno previsti momenti prestabiliti di verifica (almeno 5 nel corso dell’anno) e si utilizzeranno tests o composizioni su argomenti tecnici di carattere prevalentemente strutturato o semistrutturato.

Prove di verifica (per il I biennio)

Le prove orali nella prima parte dell’anno scolastico saranno soprattutto verifiche di comprensione e capacità di rispondere a semplici domande guidate e collegate con il testo scritto. Man mano  tale tipologia si modificherà (non tanto nella forma quanto nei contenuti, che andranno progressivamente ampliandosi) fino ad arrivare al resoconto di un brano letto o di un’esperienza vissuta. Tali prove saranno costanti e riguarderanno la totalità della classe ad ogni lezione.

Le prove scritte in classe saranno costituite da test a scelta multipla,test a completamento,vero o falso, brevi traduzioni, risposte a questionari, brevi composizioni elementari.

Sono previste complessivamente almeno quattro verifiche orali e sei scritte.

 

Competenze minime in uscita, secondo il Quadro di riferimento Europeo

Classe prima

  • Comprendere e usare espressioni di uso quotidiano e frasi indispensabili per soddisfare bisogni di tipo concreto
  • Saper presentare se stessi e gli altri ed essere in grado di fare domande e rispondere su informazioni personali
  • Interagire in modo semplice, a condizione che l’altra persona parli lentamente e chiaramente e sia disposta a collaborare
  • Riuscire ad afferrare l’essenziale di messaggi e annunci brevi e chiari (Livello A1, A2)

Classe seconda

  • Comprendere frasi ed espressioni di uso frequente, relativi ad ambiti di immediata rilevanza
  • Comunicare in attività semplici e di routine che richiedono un semplice scambio di informazioni su argomenti familiari e comuni.
  • Saper descrivere, in termini semplici, aspetti del proprio background e dell’ambiente circostante
  • Saper esprimere bisogni immediati
  • Riuscire a motivare e spiegare brevemente opinioni e progetti (Livello A2, B1)

Classe terza

  • Comprendere i punti chiave di testi di argomenti familiari( la scuola, il tempo libero ecc)
  • Sapersi muovere in situazioni reali
  • Essere in grado di produrre un testo semplice, relativo ad argomenti che siano familiari, di interesse personale e professionale.
  • Essere in grado di descrivere esperienze, avvenimenti, progetti e spiegare le ragioni delle proprie opinioni (Livello B1)

Classe quarta

  • Comprendere i punti chiave di testi di vario genere
  • Sapersi muovere con disinvoltura in situazioni che possono verificarsi mentre si viaggia nel paese di cui si studia la lingua
  • Essere in grado di produrre un testo moderatamente articolato, relativo ad argomenti oggetto di studio
  • Essere in grado di descrivere aspirazioni, speranze e ambizioni, motivando le proprie opinioni (Livello B1, B2)

Classe quinta

  • Comprendere le idee principali di testi su argomenti sia concreti, sia astratti
  • Essere in grado di interagire con una certa scioltezza con i parlanti nativi
  • Saper produrre un testo chiaro su vari argomenti di contenuto professionale e spiegare il proprio punto di vista su un argomento, fornendo i pro e i contro delle varie opzioni (Livello B2)

LICEO SCIENTIFICO E LICEO LINGUISTICO

La verifiche, parte integrante del processo didattico-educativo, saranno di tipo formale ed informale, sommativo e formativo.

 Verranno effettuate durante e alla fine di ogni unità didattica, in modo da poter attivare eventuali interventi di recupero. La valutazione sarà frutto di un costante monitoraggio dello sviluppo di tutte e quattro le abilità linguistiche, della capacità di servirsene autonomamente e dell’apprendimento critico dei contenuti. Le procedure per la valutazione saranno sistematiche e continue, ma verranno utilizzati anche momenti più formalizzati con prove di tipo oggettivo per la verifica delle abilità ricettive e di tipo soggettivo per la verifica delle abilità produttive inerenti la competenza comunicativa. 

La verifica formativa sarà effettuata di frequente e in via informale, sia durante che dopo il processo di apprendimento legato alle singole unità didattiche. Gli strumenti utilizzati saranno adeguati agli obiettivi prefissati e consisteranno in colloqui, esercitazioni scritte e orali, questionari, compilazione di griglie o tabelle,e nel primo biennio anche dialoghi a coppie e drammatizzazioni. 

La verifica sommativa avverrà al termine di ogni sezione significativa del programma (almeno 3 verifiche orali e 3 scritte a quadrimestre) e non sarà volta solo a classificare il profitto,  ma avrà lo scopo di monitorare sia le competenze disciplinari che le abilità cognitive acquisite e darà agli studenti informazioni sul livello raggiunto e all’insegnante elementi per una riflessione sull’efficacia dell’azione didattica e sull’opportunità di attivare interventi integrativi. La valutazione di tale verifica terrà conto della qualità e della quantità delle conoscenze e delle competenze acquisite, relative agli obiettivi cognitivi precedentemente esposti. Tale valutazione utilizzerà strumenti idonei per accertare il raggiungimento di precisi obiettivi didattici, tramite colloqui individuali sul programma svolto e verifiche di tipo strutturato o semistrutturato.

 La valutazione finale terrà conto non solo dei risultati delle prove sommative ma anche di altri fondamentali elementi quali: livello di partenza, raggiungimento degli obiettivi formativi e di apprendimento, attenzione e partecipazione, metodo di lavoro, continuità dello studio e dell’impegno. 

In accordo con i suddetti criteri, i docenti  madrelingua di conversazione concorderanno con i rispettivi docenti curricolari i voti da esprimere per quanto compete loro circa l’espressione orale. Tali voti avranno peso ponderato nella media dell’alunno, in proporzione alla quantità di ore di compresenza. Per rendere la valutazione oggettiva, trasparente e facilmente comprensibile agli alunni, è opportuno utilizzare delle griglie ben articolate che permettano di dare una valutazione analitica dettagliata ed una valutazione numerica sintetica. Mantenendo come punto di riferimento le griglie contenute nel PTOF, è però opportuno utilizzare griglie specifiche, che vengono allegate. Per la valutazione degli alunni con P.E.I., D.S.A. o B.E.S. si disporranno tutte le misure compensative e dispensative idonee e previste dalla normativa vigente, stabilite dai Consigli di Classe.

I BIENNIO 

  Le prove orali, nella prima parte dell’anno scolastico, saranno soprattutto esercizi di ascolto e comprensione, verifiche di comprensione, di formulazione e di capacità di rispondere a semplici domande, spesso guidate o collegate con il testo scritto. In seguito tale tipologia si modificherà, non tanto nella forma quanto nei contenuti che andranno sempre più ampliandosi, fino ad arrivare al resoconto di un brano letto o di un’esperienza vissuta. Tali prove saranno costanti e riguarderanno l’intera classe ad ogni lezione. Le prove scritte saranno costituite da tests di vario tipo,  prove strutturate e semistrutturate, brevi traduzioni, risposte a questionari, semplici composizioni.

 

II BIENNIO E V ANNO

Per quanto riguarda la comprensione orale e scritta,  globale ed analitica, dei vari generi testuali proposti, essa potrà essere verificata tramite:

  • Esposizione orale di argomenti specifici, partendo da uno testo scritto, orale o da un filmato
  • Presentazione di un lavoro di gruppo, a coppie o individuale
  • Risposte a domande del docente sugli argomenti studiati
  • Compilazione di griglie
  • Questionari a scelta multipla
  • Questionari a risposta breve
  •  Completamento di tabelle
  • Traduzioni L2 / L1. 

Per quanto riguarda la produzione orale si utilizzeranno come strumenti di verifica sia l’interazione nel corso delle lezioni sia momenti periodici di verifica più formale tra singolo alunno e insegnante. Tale verifica consisterà in domande che richiederanno risposte brevi e mirate o una più ampia esposizione dei contenuti studiati. La verifica della produzione scritta avverrà mediante: 

  • Analisi su traccia di testi letterari (II biennio)
  • Trattazione sintetica di argomenti
  • Domande a risposta sintetica.
  • Comprensione di testi letterari e sociali, riassunti e produzioni, secondo il modello della seconda prova dell’Esame di Stato (classe V).